Pouligny  Montrachet "Les Enseignères" Lucien Le Moine Ingrandisci

Puligny Montrachet "Les Enseignères" Lucien Le Moine 2009

164

Nuovo prodotto

Denominazione: Pouligny Montrachet AOC
Tipologia di vino: Bianco AOC
Vitigno: 100% Chardonnay
Annata: 2009 Stato: Francia
Fermentazione: In barrique
Affinamento: In barrique
Gradazione alcolica: 12,5%

Questo prodotto non è più disponibile

By buying this product you can collect up to 9 loyalty points. Your cart will total 9 points that can be converted into a voucher of 1,80 €.


93,10 € tasse incl.

aggiungi alla wishlist

Spedizione gratuita per ordini superiori a 99€

Descrizione

Puligny, terroir situato al Sud di Meursault e al Nord di Chassagne Montrachet in Borgogna, vanta insieme a Chassagne la produzione di uno dei migliori vini bianchi al mondo: il Montrachet. Secondo Alessandro Dumas “si doveva bere in ginocchio e con il capo scoperto”e secondo un’antica leggenda, Dio non si riposò prima di aver Puligny creato Le Montrachet. Eccellente Chardonnay che rispecchia la purezza e la tipicità della piccola Maison, si presenta con un complesso bouquet di aromi fruttati e floreali, con note di burro e arachidi, di pesca matura, di fiori d’acacia e di erba secca. E’ perfetto da bere fresco in abbinamento a raffinati piatti a base di crostacei e pesce, patè di fegato, formaggi francesi stagionati.

Produttore

Lucien Le Moine

Lucien Le Moine è una piccola Maison de négoce di Bearne, di proprietà di Mounir Saouma e la moglie che hanno deciso nell’anno 1999 di dar vita al loro desiderio di vivere e produrre vini in Borgogna, ispirati da una grande passione per tutto ciò che concerne il vino. Il nome dell’azienda deriva dai nomi dei proprietari stessi: infatti in libanese Mounir significa luce, quindi l’equivalente Lucien in francese, mentre Le Moine si traduce come il monaco, e si riferisce alla prima esperienza a contatto con il vino di Mounir in un monastero, avvenuta nel 1980 nel Medio Oriente: fu proprio da quel momento che Mounir iniziò ad appassionarsi di viticoltura.  Ciò che c’è di strano è che i due proprietari non hanno vigneti, ma ogni anno si impegnano ad andare alla ricerca dei migliori vitigni, cercando di curare ogni singolo dettaglio di ogni vino. Mounir e la moglie hanno l’abitudine di assaggiare il vino subito dopo la pressatura, in modo da capire l’essenza di esso e studiarne la composizione.

dallo stesso produttore