Barolo "Aeroplan Servaj" Domenico Clerico Ingrandisci

Barolo docg "Aeroplan Servaj" Domenico Clerico 2006

532

Nuovo prodotto

Regione: Piemonte
Denominazione: Barolo docg
Tipologia di vino: Rosso docg
Vitigno: Nebbiolo 100%
Annata: 2006
Fermentazione: In acciaio a temperatura controllata
Comune di produzione: Monforte d'Alba
Affinamento: 26-36 mesi in barriques di rovere francese
Gradazione alcolica: 14,5%

1 Articolo

In Stock

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

By buying this product you can collect up to 8 loyalty points. Your cart will total 8 points that can be converted into a voucher of 1,60 €.


84,90 € tasse incl.

aggiungi alla wishlist

Spedizione gratuita per ordini superiori a 99€

Descrizione

“Aeroplan Servaj” (Aeroplano Selvatico) è il nome dell’ultimo Cru di Barolo che Domenico Clerico ha creato in omaggio del papà Clemente, che era solito soprannominarlo in questa maniera, per indicare “un fanciullo, un ragazzo ed infine un uomo che vola con la fantasia sulle colline che lo circondano ed atterra, talvolta, per qualche secondo per far parte del mondo reale”. Prodotto con uve Nebbiolo provenienti dalla vigna a Serralunga d’Alba, si differenzia dagli altri Baroli dell’azienda oltre che per le caratteristiche anche nell’etichetta: 6 differenti etichette che rappresentano l’Aeroplan Servaj, proposte tutte insieme al’interno di una confezione di legno, sul cui coperchio del cofanetto è incisa la leggenda dell’Aeroplan Servaj. Elegante Barolo dal colore rosso granato intenso ed elegantemente trasparente, si presenta al naso con un bouquet ampio e intenso, avvolgente, con aromi floreali di viola e rosa passita, fruttati di lamponi e fragoline di bosco, su sottofondo speziato. Di grande equilibrio e lunga persistenza gusto-olfattiva, si abbina perfettamente con carni rosse arrosto o stufate, selvaggina e formaggi stagionati o leggermente erborinati. E’ un vino che ben si presta all’invecchiamento.

Produttore

Domenico Clerico

Nel 1976 Domenico Clerico, attuale proprietario della cantina, inizia ad affiancarsi al mondo del vino: in quegli anni il padre di Domenico coltivava vigneti che successivamente vendeva alla Cantina Sociale di Barolo. Nel 1981 Domenico decise di acquistare un nuovo appezzamento di terreno, perchè al tempo era molto più vantaggioso vinificare uva, e cosi facendo iniziò ad ingrandire l’azienda. Oggi l’azienda conta 21 ettari di vigneti che permettono a Domenico di vendere circa 90 000 bottiglie annue.

dallo stesso produttore