Chateauneuf du Pape E. Guigal Ingrandisci

Chateauneuf du Pape E. Guigal 2004

592

Nuovo prodotto

Denominazione: Chateauneuf du Pape AOC
Tipologia di vino: Rosso AOC
Vitigno: 80% Vieux Grenache - 10% Syrah - 5% Mourvèdre e altrI
Annata: 2004 Stato: Francia
Fermentazione: A temperatura controllata
Affinamento: 36 mesi in barriques
Gradazione alcolica: 14,5%

3 Articoli

In Stock

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

By buying this product you can collect up to 5 loyalty points. Your cart will total 5 points that can be converted into a voucher of 1,00 €.


54,90 € tasse incl.

aggiungi alla wishlist

Spedizione gratuita per ordini superiori a 99€

Descrizione

Il nome di Châteauneuf du Pape deriva dalla “cattività avignonese dei Papi”: in quell’epoca sette papi abitarono ad Avignone e durante questo periodo fecero costruire il Châteauneuf du Pape, 25 km a Nord della città. È intorno a questo castello, pensato come ad una resistenza estiva che i papi cominciarono a coltivare la vite. Vino rosso di particolare complessità aromatica, dal bel colore rosso rubino intenso, profondo, offre al naso sentori fruttati di frutta rossa matura e confettura, su sottofondo speziato. Dotato di tannini rotondi e potenti, ricco e ben strutturato, si abbina perfettamente con salumi, carni rosse, selvaggina e formaggi. E’ un vino che ben si presta al lungo invecchiamento.

Produttore

E. Guigal

Fondata nel 1946 da Etienne Guigal, la tenuta ospita una vasta scelta di vini, conosciuti in tutto il mondo da piu di 2400 anni. Successivamente nel 1995 la tenuta ha acquistato il famoso Chateau d’Ampuis, monumento storico ed enologico molto significativo, la cui storia è collegata alla denominazione Cote-Rotie. Il castello è immerso nelle vigne e confina con il Rodano, e recentemente è diventato il quartier generale della Tenuta Guigal. I metodi di viticoltura sono sempre in accordo con l’ambiente circostante: inoltre, tutto è finalizzato alla prevenzione di parassiti della vite. I vigneti della Cote-Rotie occupano una zona di circa 230 ettari, ed essi sono stati piantati dai Romani quasi 24 secoli fa.

dallo stesso produttore